• Visita il mio sito!

Nostra Madre


images (1)

 

Dopo due gioiosi giorni, passati con mia figlia e con il mio nipotino, ritorno a casa ed accendo il computer per riordinare mail, blog, sito e salutare gli amici con la mia presenza. Così, do un’occhiata agli eventi di questi due giorni perché non ho avuto occasione di guardare tg ed internet. Premetto che qui  a casa, il televisore non c’è più da alcuni mesi, e quindi le mie informazioni sono puramente websteriane. Ed allora, abbiamo un governo. Che, scopro, come primo atto, il Presidente del Consiglio, si reca a rendere omaggio alla Signora Merkel e, malignamente penso, a prendere ordini su cosa deve fare per poter entrare nelle Sue grazie. Naturalmente, non ha importanza alcuna, se a discapito della stessa Italia. Le grandi discussioni sono incentrate su imu si imu no, imu quasi, imu forse, grande profondità dibattimentale per la salvezza dell’Italia. Tra strette di mano e sorrisi, sempre che i problemi più grossi siano stati risolti, adesso si tratta di gestire la ‘normale amministrazione’. Non riusciremo mai a capire quali sono le spinte interne che fanno agire i politici in maniera sempre irritante e con una totale mancanza di rispetto a quanto la gente si aspetta. E noi ci ‘scanniamo’ sui blog e sui network per difenderli, per innalzarli, per dimostrare quanto il nostro ‘deputato’ sia migliore di tutti gli altri messi assieme. Vuoi mettere l’esperienza del mio deputato, la sua cultura, la sua lungimiranza a confronto con il tuo? Sai già che non reggerebbe! Il mi è super! Ma il nostro Presidente del Consiglio, Enrico Letta, non ha indetto una mega conferenza stampa per dire alla gente, che lo abbia o non lo abbia votato, che adesso lui c’è, e che c’è per tutti. Non ha indetto una mega conferenza per dire ai disoccupati, agli imprenditori disperati, che adesso lui c’è e che lavorerà per farci uscire dalla crisi. Non ci ha detto che il suo compito sarà quello di far uscire dalla disperazione le famiglie che non arrivano nemmeno al 10 del mese! Non lo ha fatto. Ma è andato in Germania ad incontrare la Signora Merkel. Non ha potuto nemmeno dirci che avrebbe fatto di tutto per aiutare chi non ce la fa, aveva fretta di andare dalla Signora Merkel. Non è passato nemmeno da una delle tante sedi della Caritas, per dire a quella povera gente che avrebbe fatto di tutto per dargli di nuovo una dignità di italiani, di lavoratori italiani. Non c’è tempo, è più urgente incontrare la Signora Merkel. Il popolo, i disperati, la povera gente, le imprese che continuano a chiudere, devono tutti aspettare il responso della dea Tanfana, che, forse, guardando nelle limpide acque magiche, indicherà al nostro beneamato Presidente del Consiglio quali passi muovere per lasciare che tutto rimanga nella più assoluta oscurità. Auguri, Signor Presidente. La signora nella  foto, è una madre, è mia madre, tua madre, nostra madre e vostra madre.

Politica e politicanti


politica2

Sapete bene che non sono più un giovincello, e che quindi, alcune fantomatiche misure di cambiamento politico, mi suonano sempre un po’ stonate. Negli anni, l’Italia politica, ha sperimentato moltissimi sistemi di gestione della Cosa Pubblica, cercando e trovando sistemi e metodi di alto valore d’intrigo. Oggi si grida molto all’inciucio, come fosse una grande vergogna, un atto quasi criminale, ma sapete bene che non è così. Questa è la democrazia, che è basata sugli ‘accordi’. Questi accordi, per qualcuno, oggi, non sono più ammissibili. Ma questo non li rende fuori dalla democrazia, anzi, ne fa dei paladini del cambiamento. In questi ultimi anni, un po’ a causa dei nostri ciechi governanti, un po’ a causa di attacchi speculativi voluti e diretti dalle grandi forze economiche del resto del mondo, ci troviamo in una situazione di crisi di vaste proporzioni. Il compito dei nostri governanti era di proteggere la nostra economia, ma a quanto pare non l’hanno fatto, e se l’hanno fatto, l’hanno fatto veramente male. L’Italia attraversa una forte crisi di lavoro e di denaro, tanto che i suicidi sono all’ordine del giorno. Molte le famiglie che fanno fatica a pagare anche la bolletta della luce e le normali tasse cui siamo sottoposti. I dati ci dicono che stiamo acquistando sempre meno alimenti e sempre meno medicine, che stiamo rinunciando a tantissime cose che eravamo abituati a utilizzare. Ma dalla politica non riceviamo risposte incoraggianti, anzi, è di queste ore la notizia che nel 2015 ci sarà un’altra manovra lacrime e sangue. Ed allora mi chiedo, cos’è la politica? Un’agenzia tipo equitalia che fa le leggi contro il suo popolo? Uno staff di dipendenti delle banche internazionali? Oppure sono servi di quella mega struttura ammazza popoli che è diventata l’Unione Europea? Chi sono i politici che fanno solo leggi che servono a incassare, scippando alla gente non solo i soldi ma anche la voglia di continuare a vivere? Da dove vengono? Il cambiamento proposto da una parte politica è quasi estremo, non accettano alcun accordo, non vogliono sentire ragioni. Ma infine mi chiedo: hanno davvero torto? La storia insegna che ogni volta che un nuovo gruppo si affaccia alla politica con qualcosa di nuovo, è denigrato e deriso, salvo poi farne un utile alleato nei momenti del bisogno, com’è stato per la Lega. Non so se queste nuove forze, accusate per lo più di non possedere esperienza, riusciranno a fare qualcosa di buono, ma sono nuove idee. In bene o in male, hanno costretto la vecchia politica a prendere atto delle loro orrende truffe ai nostri danni, li hanno costretti a cambiare, a guardare al popolo che non ne può più. In bene o in male, hanno portato in piazza istanze che stavano per essere soffocate. Ora dicono di correre ai ripari, ma non gli do molto credito. Istintivamente mi viene da pensare che almeno ci sono loro, i nuovi, che spero dichiarino quando la politica agirà in maniera scorretta. Ci deve essere qualcuno che ci faccia sapere come stanno le cose, affinché i politici non possano più agire alle spalle della povera gente e rimanere impuniti per simile crimine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: