• Visita il mio sito!

  • Annunci

La Grande Perfezione


Padmasambhava

Padmasambhava

Nel Buddhismo c’è una Via che chiamata La Grande Perfezione. Su questa Via, spesso, si è fatta qualche confusione, soprattutto perché se ne parla, se ne legge, ma è difficile da comprendere e si lascia spesso fraintendere. La Grande Perfezione è considerata la Via più alta del buddhismo,ma è anche molto diversa da ciò che si può pensare dal buddhismo in generale. In ogni scuola buddhista, ci sono differenze enormi, e si utilizzano tecniche e metodi che occupano anche gli opposti. Difficile comunque capire queste differenze se non si studiano i testi e se non si formano delle basi di conoscenza. Personalmente non sono molto istruito in proposito, ma qualche cosa, forse a causa degli anni che ne leggo, mi è rimasta.

La Grande perfezione è definita in diversi modi, qui ne cito una: Tutti i fenomeni sono una manifestazione delle cinque pure luci elementali e dalle cinque luci tutte le qualità del nirvana si manifestano incessantemente.

Da questo è evidente che siamo impegnati in una falsa lotta con l’esperienza soltanto perché siamo prigionieri di errate visioni. Se tutti i fenomeni hanno questa origine, il non riuscire a percepirne la sua natura come un sogno, ci porta alla sofferenza che sperimentiamo normalmente. Questo perché ci siamo ‘divisi’ da questa origine e siamo noi che abbiamo dato vita a ciò che crediamo solido e esistente. Ogni cosa è diventata ‘esterna’ e quindi apparentemente esistente, perché la natura è manifestazione delle cinque pure luci. Siamo noi che abbiamo creato la dualità, per questo si dice che è necessario superarla.

Svegliarsi da questa durezza, è visto come svegliarsi in un sogno e riconoscerlo come tale. La realtà che viviamo normalmente non è altro che un sogno. Il sapere questo è importante, ma sperimentarlo, è difficile. Attraverso alcune pratiche si porta al risveglio e alla rivelazione della Natura della mente, parte fondamentale nella Grande Perfezione, chiamato in tibetano Dzogchen.

La diffusione di testi che riguardano la Grande Perfezione, però, ha rivelato una nuova preoccupante tendenza, secondo me e soltanto secondo me, portando spesso discussioni in proposito a un assoluto filosofico, alla costruzione di frasi del tipo ‘tutto è ora’, ‘non esiste che il presente’, ‘siamo tutti già illuminati’, ‘basta essere presenti’ e così via. Una forma di assolutismo dialettico che non da comunque alcuna esperienza di ciò che è veramente. La Grande Perfezione è una via sicuramente per pochi, perché è richiesta una costante pratica meditativa e una capacità personale già elevata nella meditazione.

Inoltre, ciò che in altre scuole deve essere ‘abbandonato’ come la rabbia, l’odio, e tutte le altre negatività, in questa via vengono invece utilizzati con particolari tecniche affinché diventino parte del veicolo, e aiutino il praticante a procedere con più celerità.

Allo stesso tempo, come tutti i saggi continuano a ripetere, non è una via migliore o peggiore di altre, è una via che va bene per alcuni e per altri non va bene così come lo Zen, i Theravada, o altre scuole. Si dice che il Buddha abbia lasciato 84.000 insegnamenti diversi, in modo che ognuno di noi trovi quella che fa per sé. E ognuna di esse porta all’Illuminazione.

Annunci

Formazione


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Coscienza del Sole è un corso che, per adesso, dura sei mesi. Quattro lezioni al mese piuttosto impegnative, ma fattibili. Quando ho iniziato a fare corsi per me, qualche anno fa, non era facile trovarne, mentre adesso, ve ne sono parecchi. Ma quello che cercavo veramente, non l’ho mai trovato. A volte mi sono imbattuto in corsi troppo improntati su un argomento, a volte su altri, ma mai in maniera che ‘mi entrassero’ dentro veramente. Sono, di base, un praticante di meditazione e quindi le mie ricerche sono indirizzate a migliorare questi miei punti di riferimento, mentre spesso, trovavo ottimi argomenti, ma limitati a settori di nicchia. Nel tempo, ho letto anche molti libri, e su questi, ho trovato spesso argomenti di grande interesse sulla formazione di intenti per il futuro. I migliori non promettono mai le stelle, ma ti fanno fare un percorso ben preciso, quasi passo passo, per condurti alla tua realtà presente, perché questo è lo scopo principale, chiarire in che situazioni siamo adesso. Se questo punto non si chiarisce, difficilmente si riesce a fare un percorso veramente utile. Partire con l’immaginare che sarà così può essere utile, ma realizzare veramente quali sono le possibilità che abbiamo è diverso. Intanto è necessario proprio arrivare a ciò che siamo, a ciò che sappiamo fare o a ciò che vorremmo apprendere e da qui iniziare a valutare quali sono le nostre possibilità e quali sono le possibilità che la nostra idea possa avere. Ma tutto questo non lo si può fare senza un metodo, perché diventa essenziale sapere come agire per fare in modo che ci sia un risultato positivo futuro. Anche i tentativi, a volte anche azzardati, spesso si rivelano inutili in quanto a rendita, sia economica che interiore, ma insegnano comunque qualcosa. Il problema è che si perde tempo, ed il tempo è l’unica cosa che non potrai più riavere indietro. Per questo i corsi di crescita personale hanno così successo, perché limitano le perdite di tempo, permettendoci di posizionarci nella giusta prospettiva di ciò che dobbiamo creare o produrre. In tempi di crisi come questi, ciò che ci rimane di prezioso è proprio il tempo, quindi, non perdete tempo rimanendo a rimuginare un futuro impossibile, e cominciate a studiare modi e tecniche che possano aiutarvi ad uscire dall’impasse. Leggere, studiare, fare corsi, sia dal vivo che su cartaceo, è il modo migliore per trovare idee e possibilità che non sappiamo nemmeno di avere. Chi offre queste possibilità, le ha già vissute e le offre, certo dietro compenso, ma tutti si pongono alla base il miglioramento dell’essere Umano, aiutandolo ad esprimere il meglio di se.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: